Sotto la Polvere

Un Viaggio nel Tempo dei Luoghi Dimenticati

Vogliamo raccontarvi un’Italia diversa, dimenticata, vogliamo portarvi con noi, nel nostro continuo viaggio nel tempo, a spasso tra i borghi, le antiche ville e i palazzi nobiliari, le colonie, i castelli, i manicomi, le scuole e gli ospedali, gli alberghi, le casette misteriose e piene di segreti, nascoste nei boschi, nelle campagne isolate, protette dagli alberi, dall’edera e dai rovi. Sono i luoghi abbandonati, di cui nessuno ormai ha più cura e interesse e dei quali spesso non vi è più memoria, ma che conservano storie meravigliose da raccontare.

Questi luoghi ci chiamano, le loro storie desiderano essere ascoltate un’ultima volta, continuare ad esistere. Noi vogliamo dar voce a quei luoghi di cui nessuno parla più, narrare le loro storie sepolte sotto la polvere

Se proviamo a pensare a un elemento che accomuna i luoghi dell’abbandono e ne rappresenta in qualche modo l’essenza, la sintesi, il nesso, ci viene in mente la polvere. La polvere è l’elemento che sovrasta e ricopre ogni cosa, che nasconde, depositandosi con delicatezza, granello dopo granello, negli spazi e sulle superfici. È un qualcosa che il tempo accumula, evanescente ed eterea, quasi inconsistente, che in qualsiasi momento può essere spazzata o soffiata via, riportando alla luce ciò che sotto vi è celato, un oggetto, una lettera, un libro, un decoro, un segreto rimasto nascosto per un tempo indefinito. Ma la polvere è anche un simbolo profondo, è un elemento presente in tutto l’universo, emblema al tempo stesso della creazione e della disgregazione. Se pensiamo che il cemento, la calce, non sono altro che polvere, possiamo asserire che ogni costruzione nasce dalla polvere, ed esattamente come noi mortali, è destinata a tornare alla polvere.

“Esistono nelle città, nei paesi, nelle campagne, “rovine semplici”… Cascine abbandonate, un muro senza aperture, uno spiazzo solitario con una fabbrica dismessa, una vecchia ciminiera diroccata, una strada che non finisce, chiese, mausolei, tumuli lasciati al loro destino, attraversati dal tempo. Luoghi che apparentemente non dicono nulla di più della loro solitudine e del loro abbandono e in cui il motivo delle loro condizioni non si legge più tra le pieghe dell’architettura. Le ferite, se mai ci sono state, non mostrano la loro origine.

Troviamo queste rovine dappertutto nel mondo, sparse tra le nuove costruzioni, o isolate e lontane. Quello che colpisce è la tranquillità, la pacatezza. Non servono più a nulla, non possono essere sfruttate, manipolate. Possono solo essere cancellate da una ruspa. Questa fragilità è la loro forza. Ci affascinano perché ci somigliano. Somigliano al nostro essere caduchi, alla nostra mortalità, alla sete dei nostri attimi di felicità”.

Roberto Peregalli

Ultimi Articoli

La Casa della Sarta Religiosa

La Casa della Sarta Religiosa

Si è detto molto su questo posto, si sono fatte svariate supposizioni e raccolti alcuni frammenti di storia, sulle persone che lo abitavano, e su quale fosse il ruolo che questo edificio aveva, nel contesto in cui sorge ed è stato costruito. Definirlo una villa è inesatto, si tratta di un podere,...

La Villa della Geisha

La Villa della Geisha

Abbiamo esplorato una bellissima villa con degli affreschi in stile orientale che ci hanno lasciati veramente di stucco. Sappiamo veramente poco della sua storia. Immersa e avvolta dalla campagna e dai vigneti in una piccola frazione, questo gioiello sospeso nel tempo con la sua maestosa e...

La Casa della Morte a 45 Giri

La Casa della Morte a 45 Giri

Se vi affascinano le case infestate dai fantasmi, le vecchie case di campagna, quelle alle quali nessuno osa avvicinarsi, sulle quali si vociferano cose strane, racconti popolari, vecchie leggende, forse questa modesta e inquietante dimora vi piacerà. Questa sinistra e solitaria casa di campagna,...

Novità e Iniziative

#ForgottenDays: La Villa del Matematico

#ForgottenDays: La Villa del Matematico

#ForgottenDays - I Giorni Dimenticati è il titolo della rubrica curata da Alex sulla rivista Italians Do It Better Magazine, dove a ogni uscita presenta un foto racconto che ha come tema un luogo da lui esplorato, nel quale, attraverso i suoi scatti, cerca di raccontarvi qualche curiosità sul...

Siamo su Italians Do It Better Magazine!

Siamo su Italians Do It Better Magazine!

Sul terzo numero della rivista Italians Do It Better Magazine uscito ieri 22 Novembre 2019, oltre al bellissimo foto articolo di Alex sulla Villa del Matematico che ha realizzato per la rubrica #forgottendays, un appuntamento ormai consueto, trovate uno spazio dove presentiamo il nostro sito!...

Presentazione del Sito

Presentazione del Sito

“Esistono nelle città, nei paesi, nelle campagne, “rovine semplici”… Cascine abbandonate, un muro senza aperture, uno spiazzo solitario con una fabbrica dismessa, una vecchia ciminiera diroccata, una strada che non finisce, chiese, mausolei, tumuli lasciati al loro destino, attraversati dal tempo....

“We will not stop exploring and the end of all our
exploring will be to arrive where we started and
to know the place for the first time.”

Chi Siamo

ALEX (@living_in_the_forest_)

ALEX (@living_in_the_forest_)

Esploratore

Sono un viaggiatore, amo la pittura, amo trascorrere il mio tempo libero in mezzo alla natura, ho un legame molto forte con il bosco e con gli alberi. Collaboro con la rivista trimestrale Italians do it Better, per la quale curo una rubrica dal titolo #forgottendays, i giorni dimenticati, nella quale a ogni uscita pubblico un foto-racconto su un luogo abbandonato da me esplorato, cercando di svelare anche qualcosa di me stesso, della mia personalità e delle mie emozioni. Mi piace catturare immagini, con una ricerca quasi ossessiva per i dettagli, cerco di immortalare quei particolari che solitamente alle persone normali sfuggono. Ricerco emozioni forti in tutto ciò che mi circonda e sento la necessità di fotografare quello che vedo, non mi definisco un fotografo, semplicemente amo trasmettere le mie emozioni agli altri, attraverso le immagini che catturo. Da bambino ero affascinato dai film horror degli anni ’70, una passione per l’horror che dura tutt’oggi, che ha sviluppato in me un’attrazione per il macabro, il gotico, le atmosfere cupe e per tutto ciò che è nascosto e misterioso. Questa mia passione mi ha portato un giorno alla mia prima esplorazione, un noto manicomio abbandonato della mia regione, luogo caro a molti esploratori. Il clima tetro, gli scenari lugubri di quel luogo dove un tempo regnavano la malattia e la sofferenza, innescarono in me per la prima volta l’esigenza di immortalare l’esperienza che stavo vivendo e di voler trasmettere agli altri le sensazioni che stavo provando. Da qui è nata la mia passione per l’esplorazione e la ricerca dell’insolito.

SEGUIMI SU INSTAGRAM

SIMONE (@simoneblackeyed)

SIMONE (@simoneblackeyed)

Esploratore

Sono un grafico orientato verso l’editoria, in particolare estera e un appassionato di fotografia, di viaggi e di cucina. Collaboro con svariati autori ed editori, e con la rivista italiana Ceramica e Arti Decorative del ‘900. Amo il trekking, la natura, e mi piace tenermi in forma. Da sempre sono affascinato da tutto ciò che è misterioso e nascosto, ho sempre avuto fin da bambino un’indole da esploratore; uno dei ricordi più belli della mia infanzia, è legato al fatto che i miei genitori mi portavano spesso a visitare un’enorme villa vicino casa dei miei nonni, che al tempo era abbandonata. Ricordo con chiarezza le sue cantine, le sue stanze buie, i mobili pieni di libri impolverati, l’emozione che provavo quando scavalcavo la finestra e mi avventuravo al suo interno. Da allora ricerco lo stesso brivido, le stesse emozioni, che puntualmente ritrovo, immutate e immutabili, soltanto in questi luoghi. La calma, il silenzio, il tempo che sembra non scorrere, la ricerca dell’avventura, l’adrenalina. Per me l’esplorazione urbana è quasi un’esperienza spirituale, che inizia ancor prima di partire, da uno studio, da un indizio, da una ricerca preliminare di un luogo che poi andremo ad esplorare. Mi piace documentarmi sui posti che esploro, effettuare ricerche, ricostruire le loro storie, cercare informazioni su chi li abitava. Spesso succede che una serie di coincidenze mi portino alla localizzazione di un posto, sento una connessione, un legame con questi luoghi, dico sempre che sono loro a trovare me, è come se mi chiamassero per raccontarmi la loro storia.

SEGUIMI SU INSTAGRAM

Simone

@simoneblackeyed

Esploratore

Sono un grafico orientato verso l’editoria, in particolare estera e un appassionato di fotografia, di viaggi e di cucina. Collaboro con svariati autori ed editori, e con la rivista italiana Ceramica e Arti Decorative del ‘900. Amo il trekking, la natura, e mi piace tenermi in forma. Da sempre sono affascinato da tutto ciò che è misterioso e nascosto, ho sempre avuto fin da bambino un’indole da esploratore; uno dei ricordi più belli della mia infanzia, è legato al fatto che i miei genitori mi portavano spesso a visitare un’enorme villa vicino casa dei miei nonni, che al tempo era abbandonata. Ricordo con chiarezza le sue cantine, le sue stanze buie, i mobili pieni di libri impolverati, l’emozione che provavo quando scavalcavo la finestra e mi avventuravo al suo interno. Da allora ricerco lo stesso brivido, le stesse emozioni, che puntualmente ritrovo, immutate e immutabili, soltanto in questi luoghi. La calma, il silenzio, il tempo che sembra non scorrere, la ricerca dell’avventura, l’adrenalina. Per me l’esplorazione urbana è quasi un’esperienza spirituale, che inizia ancor prima di partire, da uno studio, da un indizio, da una ricerca preliminare di un luogo che poi andremo ad esplorare. Mi piace documentarmi sui posti che esploro, effettuare ricerche, ricostruire le loro storie, cercare informazioni su chi li abitava. Spesso succede che una serie di coincidenze mi portino alla localizzazione di un posto, sento una connessione, un legame con questi luoghi, dico sempre che sono loro a trovare me, è come se mi chiamassero per raccontarmi la loro storia.

Alex

@living_in_the_forest_

Esploratore

Sono un viaggiatore, amo la pittura, amo trascorrere il mio tempo libero in mezzo alla natura, ho un legame molto forte con il bosco e con gli alberi. Collaboro con la rivista trimestrale Italians do it Better Magazine, per la quale curo una rubrica dal titolo #forgottendays, i giorni dimenticati, nella quale a ogni uscita pubblico un foto-racconto su un luogo abbandonato da me esplorato, cercando di svelare anche qualcosa di me stesso, della mia personalità e delle mie emozioni. Mi piace catturare immagini, con una ricerca quasi ossessiva per i dettagli, cerco di immortalare quei particolari che solitamente alle persone normali sfuggono. Ricerco emozioni forti in tutto ciò che mi circonda e sento la necessità di fotografare quello che vedo, non mi definisco un fotografo, semplicemente amo trasmettere le mie emozioni agli altri, attraverso le immagini che catturo. Da bambino ero affascinato dai film horror degli anni ’70, una passione per l’horror che dura tutt’oggi, che ha sviluppato in me un’attrazione per il macabro, il gotico, le atmosfere cupe e per tutto ciò che è nascosto e misterioso. Questa mia passione mi ha portato un giorno alla mia prima esplorazione, un noto manicomio abbandonato della mia regione, luogo caro a molti esploratori. Il clima tetro, gli scenari lugubri di quel luogo dove un tempo regnavano la malattia e la sofferenza, innescarono in me per la prima volta l’esigenza di immortalare l’esperienza che stavo vivendo e di voler trasmettere agli altri le sensazioni che stavo provando. Da qui è nata la mia passione per l’esplorazione e la ricerca dell’insolito.

“Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale,
e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.
Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.

Il mio dura tuttora, nè più mi occorrono le coincidenze,
le prenotazioni, le trappole, gli scorni di chi crede
che la realtà sia quella che si vede.

Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio,
non già perché con quattr’occhi forse si vede di più.
Con te le ho scese perché sapevo che di noi due, le sole vere pupille,
sebbene tanto offuscate, erano le tue.”

Eugenio Montale

“Nessun passo fu più lieve e silenzioso di uno mosso cautamente sopra la polvere.
Ciò che è sopra vede il tempo trascorso, ciò che è sotto il tempo lo ha dimenticato;
Ciò che è sopra porti rispetto, ciò che è sotto resti sotto la polvere.”

Erika

“La cosa più bella che possiamo sperimentare è il mistero;
è la fonte di ogni vera arte e di ogni vera scienza.”

Albert Einstein

“La patina, come la polvere, si deposita sulle cose.
Dà loro vita. Le inserisce nel tempo.
Un tavolo, una sedia, un bicchiere, parlano del passato,
delle mani che li hanno toccati,
attraverso la pelle del tempo che li avvolge a poco a poco.„

Roberto Peregalli

Lascia solo Impronte
Prendi solo Emozioni.

Contatti

Conosci un luogo abbandonato vicino a te e vuoi segnalarcelo per uno dei nostri articoli?
Hai una richiesta, una proposta di collaborazione, o hai qualche curiosità o domanda?
Contattaci utilizzando il modulo qui sotto.

Se ti piacciono i nostri articoli e le nostre foto non
dimenticare di seguirci sulle nostre pagine Instagram!

Puoi seguire anche il nostro hashtag

#sotto_la_polvere

 

Don`t copy text!